Misurare la saturazione di ossigeno nel sangue: Come fare?

La saturazione di ossigeno è un’indice che segnala la percentuale di emoglobina piena d’ossigeno rispetto a quella totale presente nel sangue.

Di solito i globuli rossi, quando passano nei polmoni si “caricano” di ossigeno che poi rilasceranno ai tessuti all’interno dell’organismo.

Ho scritto questo articolo per darti tutte le informazioni necessarie su come misurare la saturazione di ossigeno nel sangue.

Come Si Misura Ossigeno Nel Sangue

Per conoscere con precisione la quantità di ossigeno nel sangue puoi usare un misuratore pressione da dito (o da polso) chiamato saturimetro.

Questo strumento è dotato di una sonda e 2 sensori (chiamati diodi) che comunicano tra loro sfruttando raggi e poi mandano un segnale alla fotocellula.

Per effettuare le misurazioni il saturimetro viene messo su una delle dita della mano o al lobo dell’orecchio (sono 2 zone ricche di capillari).

Oltre ai valori forniti dal saturimetro, anche il colore del sangue può dare informazioni utili.

Ad esempio, se il sangue è:

  • Rosso brillante, vuol dire che è più ossigenato
  • Più scuro, vuol dire che è meno ossigenato.

Adesso lascia che ti dica il saturimetro a cosa serve.

Lascia che ti dica qualcosa in più sul saturimetro a cosa serve.

È un misuratore saturazione ossigeno piccolo, comodo e facile da utilizzare.

Sul mercato puoi trovare un sacco di modelli differenti, i quali si distinguono tra loro esclusivamente per delle funzioni extra che possono rendere più semplici le misurazioni.

I saturimetri più comuni funzionano applicando l’apposito sensore al dito. Esistono anche dei prodotti che vengono messi al polso ed altri saturimetri professionali che forniscono anche delle informazioni aggiuntive sullo stato del paziente (come la frequenza cardiaca, saturazione di ossigeno nel sangue durante il sonno, ecc.).

Questi accessori sono dotati di schermi su cui puoi leggere i valori delle analisi effettuate: la saturazione di ossigeno nel sangue, in particolare, è indicata con la sigla SpO2.

Perchè È Importante Misurare La Saturazione Di Ossigeno Nel Sangue

È fondamentale che le persone che sono affette già da patologie specifiche mantengano sotto controllo i valori di saturazione di ossigeno nel sangue per monitorare il proprio stato di salute.

Lo stesso discorso vale anche per gli utenti che invece vogliono avere tutte le informazioni sulla salute per prevenire eventuali problemi.

Quali Sono I Valori Normali Di Saturazione Di Ossigeno Nel Sangue

Qui sotto ho stilato per te una piccola e semplice tabella che riassume i pulsossimetro valori che puoi ottenere dopo aver effettuato un’analisi con il misuratore ossigeno sangue:

Maggiore del 95%91-94%86-90%Minore dell’85%
Stato ottimaleIpossia (carenza di ossigeno nell’organismo)Ipossia moderataIpossia grave

Non è stata evidenziata alcun tipo di patologia legata ad un’elevata saturazione di ossigeno nel sangue.

Al contrario, se l’ossimetria valori riportati dal misuratore ossigeno sangue sono tra il 91-94% (o inferiori) si parla di ipossiemia (diminuzione di ossigeno contenuto nel sangue).

Le seguenti malattie sono caratterizzate dalla presenza di ipossiemia:

  • Anemia
  • Sindrome da Distress Respiratorio Acuto
  • BPCO
  • Enfisema
  • Ostruzione delle vie aeree
  • Malattia Polmonare Interstiziale
  • Polmonite
  • Pneumotorace
  • Edema Polmonare
  • Embolia Polmonare
  • Fibrosi Polmonare
  • Apnea Ostruttiva Nel Sonno

L’ipossiemia può essere evidenziata anche dai seguenti sintomi:

  • Pelle/mucosa pallida
  • Iperventilazione
  • Dispnea (respirazione difficile e forzata)
  • Stato di confusione

Anche l’ambiente circostante può provocare un’alterazione della percentuale di ossigeno presente nel sangue.

Ecco un esempio.

Tra i 5000 ed i 5500 metri di altitudine la saturazione di ossigeno nel sangue scende fino all’85%; in questo caso è importante avere sempre con sé un saturimetro.

Come Si Misura La Saturazione Di Ossigeno Nel Sangue

Puoi eseguire una misurazione di questi metodi così:

  • Prelevando un campione di sangue dall’arteria del polso
  • Utilizzando un saturimetro che indica la quantità di emoglobina legata all’ossigeno per mezzo di un sensore inserito al dito di una mano o al lobo dell’orecchio

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it